Il pc con proiettore nascosto dentro un pacco da 6 birre

È tutto vero: Bl6 di Bud Light unisce l’utile al dilettevole e può anche mantenere al fresco le lattine

C’è una terza inaspettata contendente alla palma della migliore console di nuova generazione oltre a Ps5 e Xbox Series X, il suo nome è Bl6 ed è un oggetto tech unico nel proprio genere. È infatti un vero e proprio gaming pc nascosto all’interno di un pacco da sei birre, conta su un proiettore integrato per fare a meno del monitor e integra anche un sistema per mantenere (due) lattine al fresco.

Questa piccola mirabilia è stata promossa dalla distilleria statunitense Anheuser-Busch e – contrariamente a quanto si potrebbe immaginare – non è un fake né un pesce d’aprile anticipato. Come raccontato da PcMag che ha avuto modo di mettere mano su un’unità in anteprima, è un computer perfettamente funzionante.

La scocca è quella classica di una confezione da sei birre, come quelle che si possono trovare al supermercato, con gli alloggiamenti per le lattine e la maniglia per un facile trasporto. Ma soffermandosi con attenzione si possono notare due particolari degni di nota come una base più spessa e profonda del normale che serve a contenere tutto l’hardware e una finestrella su uno dei lati corti che nasconde il mini proiettore.

All’interno c’è un processore Intel i7 (1065G7) accompagnato da 16 gb di ram, il sistema operativo Windows 10 e un proiettore Asus modello ZenBeam 720p. La grafica è integrata (Intel Iris) e in memoria sono già precaricati diversi giochi come Tekken 7, Soul Calibur 6, Rbi Baseball 20 e altri.

Le due lattine sul fronte sono in realtà il sistema di raffrescamento dell’hardware, quelle di mezzo sono gli alloggiamenti per i due controller (8bitdo N30 Pro+ customizzati) e le ultime due accolgono vere birre che rimangono refrigerate. La componentistica sembra suggerire che la base del computer-pacco di birre sia un Microsoft Surface Pro opportunamente modificato e adattato all’insolito case.

Le unità di Bl6 saranno messe all’asta il prossimo 20 novembre e il ricavato sarà devoluto al progetto National Restaurant Foundation che supporta i ristoratori americani in difficoltà per via del Covid-19.

#bannerInRead {display:none !important;}

Leggi anche

Potrebbe interessarti anche

Latest posts