Aznom Palladium, l’esagerata limousine italiana che sembra un suv

Sarà costruita in 10 esemplari completamente personalizzabili dai clienti. La base è quella di un pick-up

Aznom-Palladium-esterno

Aznom Palladium è il nome di un esotico modello realizzato dalla compagnia monzese specializzata in trasformazioni e personalizzazioni di auto (Aznom non è altro che Monza scritto al contrario). Questa volta la protagonista della trasformazione è la Atulux, un progetto della stessa azienda datato 2018, che a sua volta deriva dalla pick-up RAM 1500. La Aznom Palladium, così come la precedente Atulux, condividono la stessa base tecnica del pick-up americano, particolarità che si intuisce anche osservando il “passo” della vettura, che è lunga 596 cm, larga 209 e alta 197 cm.

Le forme della Palladium sono un particolare mix tra una berlina di lusso e un suv. I richiami alle limousine del passato si evincono dalla grande mascherina cromata che si sviluppa in orizzontale e ingloba i sottili fari a led. Il cofano presenta una prominente bombatura, utile per far posto al poderoso V8 da 5.7 litri, potenziato dalla Monza Garage con l’installazione di un kit biturbo, e in grado di erogare 710 CV e 950 Nm di coppia.

La linea del tetto è spiovente nella parte finale e, così come quello di una coupé, confluisce nella coda. Lo Studio Camal di Torino, che ne ha curato il disegno, ha pensato bene di “alleggerire” i massicci montanti posteriori con l’introduzione di due piccoli finestrini, utili anche per conferire maggiore luminosità agli interni. Le fiancate, lisce e verticali, sono dominate dai grandi passaruota che devono far posto ai cerchi da 22 pollici che calzano pneumatici 285/45.

Gli interni della Aznom Palladium

Gli interni della Aznom Palladium sono, così come ci si aspetterebbe, un tripudio di pelle e lusso. Pelle che è stata curata dallo specialista Foglizzo e che riveste sia i sedili anteriori che il divano posteriore. La plancia presenta la stessa impostazione di quella presente sul pick-up Ram (da cui deriva) ed è quindi caratterizzata da un grande schermo di tipo touch che si estende in verticale e da cui è possibile controllare tutte le funzionalità del sistema multimediale.

A conferire un tocco di glamour ci pensa il mobiletto posteriore dove c’è trovano posto due calici e relativa bottiglia. La Aznom ha curato tutti quei particolari che contribuiscono a elevare il lusso dell’auto; il maxi bagagliaio da 621 litri contiene un set di valigie realizzato con gli stessi pellami degli interni e un ombrello firmato dallo specialista artigiano Francesco Maglia.

Essendo un’auto pensata anche per essere utilizzata anche su terreni difficili è provvista di trazione integrale, assetto con quattro diversi livelli di altezza e sospensioni pneumatiche. Anche la sicurezza è stata oggetto di particolare cura; per arrestare l’esuberanza del V8, in grado di garantire uno 0-100 in 4,5 secondi (210 km/h la velocità massima), ci pensa infatti l’impianto frenante della Brembo con dischi anteriori da 408 mm e pinze a sei pistoncini.

Grazie alla trazione integrale, la vettura sarà anche in grado di affrontare terreni difficili, senza però perdere di vista il comfort, assicurato dall’assetto che prevede quattro livelli di altezza e dalle sospensioni pneumatiche.

La Aznom Palladium sarà prodotta con tecniche prevalente artigianali nella tiratura limitata di 10 esemplari completamente personalizzabili su richiesta dei clienti. Gli esemplari sono destinati al mercato americano, cinese, mediorientale e russo.

#bannerInRead {display:none !important;}

Leggi anche

Potrebbe interessarti anche

Latest posts