I nuovi traghetti delle cascate del Niagara sono elettrici

E si ricaricano in modo efficiente con l’energia pulita ricavata in loco

traghetti elettrici
(Foto: Ny State Park)

Una svolta green per il turismo in uno dei simboli americani ossia le cascate del Niagara, che possono ora contare su una flotta di traghetti elettrici che riducono drasticamente le emissioni peraltro contando su energia pulita prodotta in loco. Il progetto è stato promosso dalla New York Power Authority e New York State Parks assieme alla società turistica Maid of the Mist, mentre i pacchi batteria sono stati allestiti dalla Abb.

Come raccontato nel comunicato diffuso al lancio della nuova flotta, l’iniziativa nasce in un luogo ideale per questa tipologia di applicazione visto che le celeberrime cascate sono in grado di fornire energia pulita per l’equivalente di 3,8 milioni di abitazioni e i traghetti elettrici possono essere ricaricati letteralmente a chilometro zero, vista l’attigua centrale idroelettrica.

Per ottimizzare i tempi, le imbarcazioni vengono caricate frequentemente con rabbocchi di appena sette minuti ogni volta che i passeggeri salgono e scendono al cambio di ogni tour panoramico. Secondo le stime, l’industria marittima è responsabile di emissioni simili a quelle dell’aviazione per via dei giganteschi propulsori a diesel che muovono le navi più grandi. La fetta relativa ai traghetti era nel 2018 di circa 11,6 milioni di tonnellate di gas serra, ossia circa quanto causato da tre centrali elettriche a carbone in un anno o un terzo di una grande compagnia aerea come Delta, prima della pandemia.

Sempre più traghetti si stanno elettrificando: negli Usa il primo progetto aveva coinvolto il fiume Alabama, mentre in Europa ci sono già state iniziative in Norvegia che ha aperto le danze nel 2015 seguita dalla Finlandia nel 2017 e dunque da Spagna e Danimarca. In Asia ci sono traghetti elettrici in India e Thailandia e c’è anche un rimorchiatore portuale in Nuova Zelanda. Si stima che sia possibile convertire all’elettrico il 70% della flotta mondiale, considerando le tratte da percorrere e l’autonomia garantita.

#bannerInRead {display:none !important;}

Leggi anche

Potrebbe interessarti anche

Latest posts